COME PIANIFICARE
L'OTTIMIZZAZIONE

La scelta di creare un piano di ottimizzazione SEO può essere fatta sia durante la creazione di un nuovo sito, e quindi partendo da zero, che in un secondo tempo in un sito già avviato.

Naturalmente è sempre meglio poter lavorare in un nuovo progetto, perché non ci saranno vincoli imposti dalle scelte di chi ha costruito precedentemente il sito.

In ogni caso dovremo identificare determinati fattori per comprendere come procedere con l’ottimizzazione della nostra presenza nel web.

I dati che raccoglieremo saranno la base su cui successivamente costruiremo il nostro piano e i nostri contenuti.

COME IMPOSTARE UN PROGETTO DI OTTIMIZZAZIONE SEO

Una buona campagna SEO partirà sempre dall’analisi della nostra attività e dalla pianificazione degli obbiettivi.

Per farlo l’agenzia web a cui ci rivolgeremo ci rivolgerà delle domande rispetto a determinati argomenti durante la consulenza SEO.

Naturalmente possiamo provare anche noi ad impostare uno schema indicativo provando a rispondere da soli a queste domande.

I prossimi punti tratteranno proprio gli argomenti che vengono toccati attraverso delle domande durante una consulenza SEO.

MERCATO DI RIFERIMENTO

Abbiamo visto che ogni query ha un proprio contesto di riferimento e query simili possono essere raggruppate per argomenti.

L’insieme di questi argomenti crea un settore e potenzialmente ci indicano un mercato.

Per capire qual è il nostro mercato di riferimento e delineare alcuni aspetti che serviranno per la pianificazione delle attività di ottimizzazione è necessario porci alcune domande:

Chi sono gli utenti tipo che cercano le query che ci interessano?

Qual è il loro intento di ricerca?

Cosa si aspettano di trovare digitando una determinata parola chiave?

Le risposte a queste domande ci aiuteranno a creare le Buyer Personas, cioè uno schema che contiene informazioni dettagliate sui nostri utenti tipo, con dati sia di tipo sociodemografico che considerazioni sulle loro abitudini di acquisto.
Un’operazione che scava più a fondo della semplice definizione del target.

pubblicità-padova

Potremo poi creare per ogni utente tipo il suo Customer Journey.

Il Customer Journey è il percorso che quel determinato consumatore dovrà intraprendere partendo dalla conoscenza della nostra offerta per arrivare all’acquisto dei nostri prodotti.

ottimizzazione

COMPETITORS

Analizzare la nostra concorrenza è un’attività fondamentale in una consulenza SEO.

Per pianificare una buona ottimizzazione è necessario capire:

Quali sono i nostri concorrenti: è una concorrenza diretta se propone il nostro stesso prodotto o servizio; è concorrenza indiretta se propone servizi o prodotti simili che potrebbero sostituire il nostro.

Quali dimensioni hanno: dovremo capire se si tratta di grandi, medie o piccole aziende; questo è utile per immaginare gli investimenti che potrebbero sostenere in un piano SEO.

Da quanto tempo sono sul mercato: capire se sono aziende storiche o se sono nuove attività ci aiuterà a comprendere il loro tipo di clientela e immaginare l’effetto delle loro campagne SEO nei potenziali utenti.

Cosa fanno e cosa propongono ai potenziali clienti: cercare di comprendere su cosa si concentrano, come cercano di differenziarsi, che tipo di offerte commerciali creano, quali sono i loro punti di forza.

GLI ELEMENTI CHE CI DIFFERENZIANO E I NOSTRI PUNTI DI FORZA

Il mercato e i competitors rappresentano i fattori esterni che possono influenzare la nostra strategia SEO.

È altrettanto importante analizzare i fattori interni alla nostra azienda per completare la nostra strategia.

Per farlo possiamo porci alcune domande in merito al nostro modello di business.

Quali sono i punti di forza della mia attività?

Ci interrogheremo su cosa stiamo offrendo ai nostri potenziali clienti.

Quali sono gli elementi differenzianti?

Cioè i motivi per cui un potenziale cliente dovrebbe scegliere noi rispetto ai nostri competitors.

Qual’è la nostra Unique Selling Proposition?

Chiediamoci qual’è la proposta di valore che ci contraddistingue: siamo i più bravi del settore, siamo i meno cari, abbiamo la maggiore esperienza nel settore, eccetera.

GLOSSARIO

Contenuti: sono i post nei social, gli articoli nel blog del nostro sito, i video, le foto, le newsletter, gli allegati da scaricare che produrremo per comunicare ai nostri potenziali consumatori; l’ottimizzazione SEO prevede la ricerca delle parole chiave e dei contenuti giusti per le nostre buyer personas.

COSE DA FARE

– Analizziamo costantemente sia i nostri competitors che i nostri potenziali clienti, per modulare ed eventualmente modificare la nostra strategia.

COSE DA NON FARE

– Ignorare sistematicamente i comportamenti dei nostri potenziali utenti: se non comprendiamo come possono raggiungerci e acquistare i nostri prodotti rischiamo di non comprendere come comunicare con loro.

se desideri una consulenza per migliorare
il posizionamento su google del tuo sito,
seo padova sono le parole giuste per trovarci!