L’OTTIMIZZAZIONE SEO
DI UN SITO WEB

Prima di tutto una precisazione: non esistono delle regole di ottimizzazione SEO scritte che permettano di posizionare un sito web permanentemente in prima posizione!

Esistono però delle linee guida che, se seguite, permettono di ottenere buoni risultati: è Google stesso a fornirle, per facilitare la scansione e la comprensione dei contenuti di un sito.

Questo perché se un motore di ricerca riesce a comprendere meglio i siti web può restituire migliori risultati nella SERP.

L’obbiettivo di Google è quello di fornire il miglior risultato per soddisfare le ricerche degli utenti, ed essere quindi scelto dal maggior numero di persone possibile.

Per questo motivo Google “impara” il più possibile dal comportamento di chi naviga: se clicchiamo sul primo risultato della ricerca e dopo pochi secondi ritorniamo in cerca della stessa informazione il motore di ricerca, Google si accorge che qualcosa nella nostra esperienza non ha funzionato!

Attraverso l’analisi delle azioni nel sito quali il movimento del mouse, il tempo di permanenza, le azioni dopo il click, Google può comprendere se la posizione nella SERP di un sito è più o meno meritata.

Naturalmente anche noi possiamo ricavare questi dati attraverso Google Analytics, per impostare l’ottimizzazione SEO, monitorare la nostra strategia ed eventualmente modificarla.

ottimizzazione-seo

OTTIMIZZAZIONE SEO: COSA MIGLIORA IL POSIZIONAMENTO

Architettura del sito web

L’attribuzione di valore alle pagine da parte di Google funziona a cascata: la prima pagina è la più importante e così via le altre pagine attraverso i link.

Una pagina raggiungibile dalla homepage di un sito tramite un solo clic avrà più valore di una pagina raggiungibile con 3 click, quindi è fondamentale progettare un’architettura chiara, semplice e facilmente navigabile per l’utente e per i motori di ricerca.

L’architettura del sito sarà in funzione di quelli che sono gli elementi principali della nostra attività: vanno messe in evidenza le cose più importanti.

Utilizzeremo dei link interni per distribuire valore tra le pagine del sito.

Renderemo disponibile sul sito il menu di tipo “breadcrumb”, o “a briciole di pane”, in modo che l’utente capisca sempre dove si trova.

Raggrupperemo i contenuti del blog in categorie specifiche.

Se progettiamo il nostro sito web da zero cercheremo di creare una “sitemap” o mappa del sito, come l’esempio qui sotto, che tenga in considerazione sia la gerarchia delle pagine di cui parlavamo prima che la gerarchia delle Keyword, o parole chiave, che utilizzeremo per creare i testi.

ottimizzazione-seo

Contenuti

Google differenzia i contenuti di una pagina del sito web in tre categorie:

Main Content o contenuto principale. Deve essere ben visibile, facilmente leggibile e fruibile;

Secondary Content o contenuto secondario. Potrebbe fornire informazioni aggiuntive al contenuto principale. Possiamo trovarlo nella sidebar (barra a lato della pagina) o nel footer (barra in fondo alla pagina). Il contenuto secondario riguarda elementi come articoli correlati o altre informazioni di approfondimento;

ADS o pubblicità. Sono i banner pubblicitari.

Tenendo conto delle differenze tra questi tipi di contenuti dovremo:

– Fare in modo che il Main Content sia immediatamente visibile, useremo un font chiaro e colori che facilitino la lettura del testo;

– Creare dei contenuti realizzati per gli utenti e non per i motori di ricerca, facendo attenzione agli errori ortografici e alla sintassi. I contenuti dovranno fornire un valore aggiunto per chi li legge e non essere copiati;

– Utilizzare sempre l’attributo alt delle immagini per fornire una descrizione il più precisa possibile dell’immagine stessa.

Layout sito web

Il layout è il tipo di impaginazione del nostro sito.

Ricordiamoci sempre che più del 60% del traffico internet è sul mobile: l’ottimizzazione SEO del nostro sito deve riuscire ad ottenere una visione perfetta sugli smartphone!

I bottoni devono essere abbastanza grandi, utilizziamo spesso delle Call to Action in evidenza e non usiamo elementi grafici invadenti.

Cerchiamo di rendere veloce il sito facendo attenzione alle dimensioni delle immagini e degli elementi grafici.

Utilizziamo css e javascript per minimizzare il caricamento di risorse interne ed esterne: è importante che il contenuto sia caricato il prima possibile.

Snippet di ricerca

ottimizzazione-seo

Lo Snippet è il testo di descrizione che compare sotto l’indirizzo delle pagine del nostro sito.

Ai fini dell’ottimizzazione SEO è importante curare lo snippet delle nostre pagine sia per indicizzarci nei motori di ricerca che per fornire il maggior numero di informazioni possibili agli utenti.

Dovremo in particolare:

– Fornire delle indicazioni chiare

– Indicare i nostri punti di forza e gli elementi che ci differenziano dai competitor

– Fornire un reale vantaggio all’utente

– Inserire la Keyword importante per posizionare quella pagina

– Evitare di tradire la fiducia dell’utente con false descrizioni o utilizzando Call to Action invasive.

Popolarità nei motori di ricerca

La popolarità del nostro sito dipenderà da quanto riusciremo, attraverso l’ottimizzazione SEO, a farlo percepire come un sito di qualità dai motori di ricerca.

I parametri che Google utilizza per assegnare valore ai siti web sono: competenza, autorevolezza e affidabilità.

La competenza in un determinato settore dovrà trasparire dai contenuti del nostro sito.

Saremo autorevoli fornendo informazioni agli utenti, rispondendo alle domande e ai commenti in maniera completa e pacata, partecipando alle discussioni di settore in maniera costruttiva.

Saremo affidabili se le informazioni che forniremo saranno sempre attendibili e verificabili in ogni momento.

Possiamo raggiungere questi obbiettivi se:

– Cercheremo di ottenere collegamenti al nostro sito e citazioni in maniera spontanea;

– Creeremo relazioni online tra noi e i nostri utenti, partner e fornitori in modo che i motori di ricerca percepiscano la nostra autorevolezza nel settore;

– Faremo attenzione alla coerenza della nostra identità digitale assicurandoci che le informazioni reperibili online sulla nostra azienda siano complete e corrette.

GLOSSARIO

Snippet: è il testo che compare sotto l’indirizzo web di un sito, o pagina di un sito, e che ne descrive il contenuto o le offerte o le caratteristiche salienti.

Sitemap: è la mappa delle pagine di un sito web utilizzata dai programmatori sia per costruire il sito che per inviarla ai motori di ricerca per migliorare l’indicizzazione del sito web.

Keyword o parole chiave. Come suggerisce il nome, sono quelle parole specifiche di un determinato settore che, inserite all’interno di una pagina web, aiutano il motore di ricerca a capire di cosa tratta quella pagina. Se ben utilizzate, permettono anche di posizionarla bene.

Breadcrumb: è un tipo di menù del sito e letteralmente vuol dire “briciole di pane”. Il menù breadcrumb è costituito da quei piccoli titoli, sotto il titolo principale della pagina web, che indicano il percorso che l’utente ha compiuto per arrivare a quella pagina.

Homepage o pagina iniziale. Ovviamente è la pagina iniziale e principale di un sito, dalla quale si articolano tutte le altre pagine. 

Link: significa collegamento. Si intende il collegamento ad un contenuto (pagina, video, pdf, ecc) presente all’interno di una pagina web.

Attributo alt: è un testo di descrizione dell’immagine da inserire in fase di creazione dei contenuti per migliorare l’indicizzazione. Spesso contiene le keyword.

Call to Action: è un termine utilizzato nel web marketing per indicare un pulsante, un link o qualsiasi altro elemento che inviti l’utente a compiere una determinata azione come un acquisto, il download di un documento o una prenotazione.

CSS: Cascading Style Sheets, in italiano fogli di stile a cascata, è un linguaggio informatico utilizzato per formattare le pagine dei siti web.

Javascript: è un linguaggio di programmazione utilizzato per gestire gli effetti dinamici all’interno di un sito web.

COSE DA FARE

– Creare sempre un’architettura del sito semplice da navigare.

– Progettare il sito per l’utilizzo dagli smartphone.

– Cercare di fornire sempre informazioni di valore per il proprio settore.

COSE DA NON FARE

– Fornire informazioni incomplete, o peggio non vere, agli utenti.

– Non curare un aspetto fondamentale come la velocità del sito.

– Non rispondere alle domande e ai commenti degli utenti.

se cerchi una consulenza
per l'ottimizzazione SEO del tuo sito
seo padova sono le parole giuste per trovarci!