CHE COS’È YUBO? PARLIAMONE!

agenzia-comunicazione-padova

I social media non sono solamente uno dei tanti strumenti che un’agenzia di comunicazione ha a disposizione per promuovere un’azienda, ma sono soprattutto un canale di comunicazione per gli utenti.
Yubo, la nuova piattaforma europea, riporta l’uso dei social alle origini: nessuna pubblicità e attenzione ai contenuti condivisi tra gli utenti.

La prospettiva da cui vogliamo presentare Yubo in questo intervento non è quella di un’agenzia di comunicazione: farlo mentre presentiamo Yubo sarebbe inutile, visto che questa piattaforma non prevede gli annunci a pagamento!

O meglio: certamente un’agenzia di comunicazione che voglia iniziare ad utilizzare questo social network dovrebbe scordarsi gli ultimi dieci anni di internet e concentrarsi nuovamente sui contenuti.

In questi ultimi dieci anni, infatti, nonostante l’accelerazione impressa dalla pandemia, l’utilizzo dei social in Italia è cambiato molto.

Un cambiamento che va letto non solo dal punto di vista quantitativo ma anche qualitativo.
Infatti l’impatto sulla cultura di massa è tale che ormai è possibile individuare delle linee di tendenza ben precise nell’utilizzo da parte degli utenti, com’è possibile notare nel report di We Are Social 2020 che parla dei nuovi stili di utilizzo dei social.

Ma ogni social ha la sua fascia d’età ideale: se infatti gli adulti continuano ad utilizzare piattaforme come Facebook o Twitter, i più giovani prediligono le piattaforme dove è possibile caricare e condividere video, come Twitch e Tik Tok.

Senza contare che l’uso professionale dei social network richiede delle accortezze specifiche che non è più possibile ignorare.

agenzia-comunicazione-padova

Partendo da una situazione simile, gli sviluppatori francesi di Yubo hanno cercato di creare una piattaforma per i più giovani che privilegi la condivisione di esperienze e che non sia basata sulla pubblicità, puntando sulla qualità del servizio offerto e sulle sottoscrizioni degli utenti.

agenzia-comunicazione-padova

Ora che ho scritto l’introduzione passo la parola ad un articolo apparso a fine 2020 su Sifted, un sito dedicato ai report e notizie sulle start up europee, che sicuramente appassionerà sia gli addicted di social network che ogni agenzia di comunicazione presente sul territorio italiano.

Buona lettura!

CHI È YUBO? LO SNAPCHAT PER ADOLESCENTI IN EUROPA HA 40 MILIONI DI UTENTI

agenzia-comunicazione-padova

Niente influencer, like o mettersi in mostra: l’app di social networking Yubo consente agli adolescenti di chattare con altri adolescenti online.

App Europea

C’è un’app social nata in Europa creata per la generazione Z, e sta per raggiungere i 40 milioni di utenti.

Yubo, una startup con sede a Parigi creata dal 27enne Sacha Lazimi, è su misura per adolescenti e giovani adulti, e promette un’esperienza migliore di Snapchat o TikTok grazie a più chat e ad uno scrolling meno passivo.

Lazimi è convinto che i nativi digitali siano affamati di interazioni online concentrate solo sul divertimento con i coetanei, senza influencer e follower, e senza i like per attirare o mettersi in mostra online.

“Il punto non è guadagnare follower o persino fare nuove amicizie – è solo condividere un momento in tempo reale con persone simili”, dice Lazimi a Sifted. “Si tratta di interazione sociale dal vivo.”

E finora gli adolescenti sembrano divertirsi. Yubo è stato lanciato nell’ottobre 2015 e ha reclutato 5 milioni di utenti nel primo anno.
Attualmente si avvicina ai 40 milioni di utenti: l’80% di loro ha un’età compresa tra i 16 e i 21 anni e più della metà vive in Nord America.
Solo il 5% proviene dalla Francia, il mercato interno di Yubo.

La startup si è espansa in un nuovo ufficio di Londra, questo mese, con diverse assunzioni nel Regno Unito.

La sua espansione pianificata, aiutata da 12,3 milioni di dollari di finanziamenti raccolti lo scorso anno, arriva in un momento in cui altri social network sono sempre più presi di mira per la loro manipolazione degli utenti e la loro propensione alla raccolta dei dati, in particolare Facebook, ma anche altri.

Tornare alle basi dei social network

Yubo sta tornando alle basi del social networking: semplicemente collegando le persone nel mondo digitale.

Mentre i giganti dei social media si concentrano sui contenuti e danno sempre maggiore spazio agli influencer superstar, la startup ha scommesso invece sul imitare online le interazioni sociali della vita reale degli adolescenti: andare a una festa, trovare un piccolo gruppo di persone e partecipare alla conversazione.

agenzia-comunicazione-padova

La tipica homepage di un utente mostra le foto delle chat room dal vivo, a cui si uniscono gruppi di persone in base all’età, agli interessi e alla lingua che parlano.
È progettato per evitare lo scorrimento passivo e consentire agli utenti di interagire tra loro, afferma Lazimi.

La configurazione più popolare su Yubo è di quattro o cinque persone che si uniscono alla stessa chat room per scambi di video, audio e testo.
Come rompighiaccio, gli utenti potranno condividere spesso un gioco di gruppo come Pictionary, oppure giocare a “preferiresti” o “lasciali indovinare” (il gioco in cui mimi un concetto affinché gli altri possano indovinare).

La maggior parte delle persone che si incontrano lì non si conoscono nella vita reale, nessuno di loro è famoso e il punto non è guadagnare follower o addirittura aumentare la tua lista di contatti.

“Il grafico social di un utente Yubo non ha niente a che vedere con quello che si trova normalmente su Facebook o Snapchat”, afferma Lazimi. “Semplicemente non rispondiamo alla stessa esigenza.”

Booster da 2 $

agenzia-comunicazione-padova

Non sono solo adolescenti: anche gli investitori hanno notato Yubo.

Parte di ciò che ha attirato la loro attenzione è il modello di business di Yubo, che è più simile a quello di un videogioco che a quello di Facebook.

Mentre la maggior parte dei social network guadagna dalla distribuzione di contenuti, incassando i dati degli utenti e costruendo il proprio business intorno alla pubblicità, Yubo sta percorrendo una strada diversa.

Non c’è pubblicità sulla piattaforma. Invece, Yubo sta implementando i tipi di modelli “freemium” che i giochi da Clash of Clans a Candy Crush hanno reso familiari ai consumatori.

I suoi utenti spendono un minimo di 2 $ per acquistare funzionalità premium che consentono loro di fare cose come spingere il loro gruppo di chat in cima alla homepage di Yubo per un paio di minuti.
Un abbonamento mensile alle funzionalità premium vale circa 10 $ al mese.

“Siamo l’unico social network con questo modello di gioco”, afferma Lazimi. “Non vendiamo i dati dei nostri utenti, nessun utente viene sulla nostra piattaforma per fare soldi e non ci sono influencer che le persone possano seguire”.

La startup, fondata nel 2015, ha iniziato a monetizzare nell’ottobre 2018 e ha registrato entrate per 10 milioni di dollari (circa 8,6 milioni di euro) nel 2019.
Finora ha raccolto circa 20 milioni di euro dagli investitori.

La generazione "nata con un telefono"

agenzia-comunicazione-padova

Ovviamente creare una piattaforma per adolescenti ha i suoi rischi.

Nel suo primo anno sul mercato, Yubo ha iniziato a costruire una strategia per mantenere i suoi giovani utenti al sicuro online, investendo in tecnologia, assumendo esperti e formando un consiglio di sicurezza. Ha uno psichiatra interno e rappresentanti dei governi e delle autorità di regolamentazione.

Esistono anche una serie di misure di salvaguardia sulla piattaforma: ad esempio, gli utenti di età superiore ai 17 anni non possono interagire con gli utenti di età inferiore ai 17 anni.
Il software di intelligenza artificiale analizza le foto del profilo, i numeri di telefono e gli indirizzi e-mail dei nuovi utenti per impedire agli spammer e ad altri profili potenzialmente offensivi di partecipare.

Può arrivare fino a chiedere a un utente una copia della sua carta d’identità, insieme a un breve video o clip audio per autenticarsi.

Gli algoritmi scansionano le conversazioni alla ricerca di contenuti non sicuri e i popup avvisano gli utenti di pensarci due volte prima di condividere informazioni private come il numero di telefono o l’indirizzo di casa.
Un team di moderatori conduce inoltre indagini periodiche su potenziali lacune nelle procedure di sicurezza della piattaforma.

La startup ha anche realizzato guide per genitori, associazioni e polizia per spiegare come funziona la piattaforma e il tipo di garanzie che ha in atto.

“Internet può essere un luogo sicuro se utilizzi la tecnologia per tracciare, localizzare e moderare per sempre”, afferma Lazimi. “Stiamo creando uno spazio sano, per una generazione che è nata con un telefono in mano.”

Articolo apparso su Sifted il 28 settembre 2020